Il Complesso Monumentale di S. Chiara, comprendente Chiesa, Monastero e Convento, fu innalzato dal 1310 al 1328 per volere del monarca Roberto D’Angiò e di sua moglie Sancia di Maiorca. I sovrani, entrambi devoti a San Francesco di Assisi e a Santa Chiara, vollero costruire una cittadella francescana che accogliesse nel monastero le Clarisse e nel convento adiacente i Frati Minori. La Chiesa, nucleo centrale dell’intero complesso, sorse con il titolo di Ostia Santa o Sacro Corpo di Cristo, dedicazione suggerita dal Miracolo Eucaristico di Bolsena, avvenuto nel 1264; la suddetta denominazione mutò da subito in Santa Chiara, probabilmente per lo straordinario numero di Clarisse presenti nel monastero.

PERCORSO QR CODE

Il Complesso Monumentale di Santa Chiara, nell’anno in cui celebra il Ventennale del Museo dell’Opera Francescana, è lieto di annunciare l’inaugurazione del percorso QR Code degli spazi museali.
L’innovativa tecnologia dei codici QR permetterà, ai visitatori muniti di smartphone o tablet, di accedere a contenuti multimediali relativi alle varie aree del percorso museale, ossia il Chiostro maiolicato, il Museo dell’Opera Francescana e l’Area Archeologica. Inoltre, l’introduzione del Qr Code permetterà anche di valicare i limiti della clausura, rendendo possibile la visita virtuale degli ambienti monastici di norma non visitabili.

Usufruire del percorso QR code è molto semplice: basta avere un lettore qr sul proprio dispositivo mobile, inquadrare il codice e visualizzare i contenuti. Il servizio, disponibile in sei lingue, sarà interamente gratuito.
L’obiettivo è di rendere sempre più accessibile l’ offerta museale, sull’esempio delle altre realtà museali internazionali. 

link consigliato
link consigliato